COMUNICATO STAMPA - 10.10.2017 10 anni di Michel Fairtrade: il bilancio di una storia di successo

Da 10 anni il produttore di bevande Rivella utilizza succo d'arancia equo solidale per i suoi succhi di frutta Michel. Insieme alla Fondazione Max Havelaar Svizzera l'azienda si impegna per migliorare le condizioni sociali di vita e lavoro in Sud America, garantire prezzi stabili e una coltivazione della frutta rispettosa dell'ambiente. Finora sono stati devoluti premi per oltre un milione di franchi svizzeri per progetti di cooperative equo-solidali in Brasile.

 

Michel, il rinomato marchio di qualità svizzero dell'azienda Rivella, punta da 10 anni e con successo sul succo d'arancia del commercio equo e solidale. In questi 10 anni sono state vendute nei negozi o servite nei ristoranti oltre 111 milioni di bottigliette contrassegnate dal sigillo di qualità di Max Havelaar. «Il passaggio al succo d'arancia del commercio equo e solidale è stato per noi un grande passo. Siamo stati praticamente i primi sul mercato. Quanto a qualità e disponibilità, abbiamo corso un certo rischio. A maggior ragione sono lieto dell'elevata accettazione attuale nel mercato», afferma Erland Brügger, amministratore delegato di Rivella AG. Anche Andreas Jiménez, amministratore delegato di Max Havelaar Svizzera, esprime il proprio elogio: «Ringrazio Michel, partner leale e di lunga data. Grazie al nostro impegno comune è già stato fatto molto per i produttori. Siamo lieti di poter percorrere anche in futuro il percorso tracciato insieme a Michel.»

A beneficio di produttori di arance e lavoratori

Grazie alla vendita delle bevande Michel con il sigillo di Max Havelaar sono stati generati in totale premi fair trade per oltre un milione di franchi svizzeri. Una cifra di tutto rispetto, utilizzata interamente per finanziare i progetti più disparati delle cooperative equo-solidali in Brasile. Gli addetti alla coltivazione e alla raccolta, ad esempio, possono godere di assistenza medica di base, visite gratuite dal dentista, ma anche di corsi di lettura e scrittura. Sono stati finanziati una scuola per l'infanzia, l'acquisto di macchine da cucire per permettere alle donne di creare redditi futuri, programmi di informatica e di formazione.

Per una maggiore trasparenza nel mercato

Oltre all'impegno nelle condizioni sociali di vita e lavoro, la collaborazione tra Michel e Max Havelaar dovrebbe garantire ai produttori in Sud America prezzi stabili anche in futuro e promuovere una coltivazione della frutta rispettosa dell'ambiente. Per farlo nel modo più trasparente possibile, Michel è il primo marchio di bevande a stampare il codice fair trade sulle proprie etichette. Digitandolo sul sito di Max Havelaar, si leggono informazioni sulle cooperative e sui progetti concreti realizzati grazie ai premi fair trade.

Referente Rivella: Monika Christener, Responsabile Comunicazione aziendale, telefono 062 785 41 11, cellulare 079 602 08 27, monika.christener@rivella.ch

Le immagini per la stampa sono disponibile gratuitamente